Spianatoia e 'ransagnolo' di casa mia

mercoledì 20 novembre 2013

Crostata di ricotta e marmellata di albicocche


La mia bisnonna Bettina, cuoceva questa crostata in una grande teglia di rame,nel forno a legna.Faceva parte della sua dote ,quando da Petricci venne a Bagnore,  dopo aver sposato nonno Ruggero.Nonna Laura diceva che ne possedeva  tante altre ,insieme ad una fornitissima batteria di pentole e casseruole,ma qualcuno approfittando delle sua assenza ,ne rubò la maggior parte.Quel che rimase lo pretese il duce per la patria.Ho sempre sentito parlare della sua mitica crostata di ricotta e marmellata di albicocche.Per poterla realizzare, faceva sei chilometri a piedi e andava a comprare la marmellata  a Santa Fiora perché a Bagnore ,nessuno la vendeva e nella nostra montagna non c'erano albicocchi per poterla fare in casa.La ricotta invece era freschissima ,soffice come la neve e la faceva lei,con le sue mani.Ho cercato di imitare e immaginarne il gusto,sicuramente non sarà la stessa . Senz'altro sono riuscita a condividere un piccolo spazio di tempo con   questa bisnonna  che non ho mai conosciuto e di cui porto il secondo nome,Elisabetta . Me la  sono sentita  vicina. Io,seduta sulle sue ginocchia,sulle scale di peperino ad aspettare di togliere insieme ,la crostata dal forno.

INGREDIENTI

Pasta frolla (Sorelle Simili)
gr.200 di farina
gr.100 di burro
gr. 80 di zucchero a  velo
2 tuorli
1 pizzico di sale
Ripieno
300 gr di marmellata di albicocche
350 gr di ricotta
1 uovo
 cognac
2 cucchiai colmi di zucchero


Preparare la pasta frolla sfregando la farina con il burro (io lo faccio con la frusta della planetaria)finchè si ottiene 'uno sfarinato'.Fare con questo la fontana,aggiungere lo zucchero ,i tuorli e il pizzico di sale (se piace anche un po' di buccia di limone grattugiata).Sbattere con una forchetta,amalgamare e formare una palla di pasta,cercando di non farla scaldare durante la lavorazione.Avvolgere nella pellicola trasparente e tenerla in frigo (meglio farla il giorno prima).Imburrare ed infarinare una teglia,disporvi la pasta e coprirla con uno strato di marmellata

Fare un altro strato con la crema di ricotta  così ottenuta:passare al setaccio la ricotta,montarla con lo zucchero,aggiungere prime  il tuorlo poi la chiara leggermente montata.Aromatizzare con un goccio di cognac.


Fare la solita grata sul ripieno e riempire i bordi della crostata .



Infornare,per 12 minuti nel microonde ,funzione Crispy o  per circa mezz'ora, a 180 gradi ,in quello normale.





9 commenti:

  1. eh che vita diversa dalla nostra che hanno fatto le nonne e le bisnonne! Coraggio e saggezza erano le loro grandi virtù! Questa crostata è eccezionale, ricotta e marmellata non sempre vanno insieme ma mi pare proprio che non sia questo il caso. Hai fatto bene a ricordare e ad impastare!! Buonissima! un saluto

    RispondiElimina
  2. chissa' che bonta' Antonella e poi il racconto ho immaginato la scena e oggi i scocciamo ad uscire con l'auto per andare al super vicino...quanta volonta' e quanto amore per la cucina semplice e genuina!!! bacioniiiiii

    RispondiElimina
  3. Le crostate con la ricotta sono quelle che Luca ed io preferiamo, ogni volta che ne troviamo ce le appuntiamo a via via le proviamo a fare tutte, la tua non farà eccezione, la troviamo molto golosa! Poi quando sono crostate tramandate dalle nonne, allora sono sempre indiscutibilmente le più buone, te lo dico con il cuore.
    Baciotti e buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  4. Antonella se ve muy rica y cocinada en forma tradicional a leña seguro que mucho mejor aroma que ricura,abrazos.

    RispondiElimina
  5. Oh Antonella che bella storia: come siamo diversi adesso noi!
    Non ho mai assaggiato una crostata di ricotta e marmellata deve essere buonissima
    Grazie
    Patrizia di Cucina con dede

    RispondiElimina
  6. La crostata che hai preparato è molto invitante ed oltre a buona mi sembra anche delicata!!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  7. Ciao Antonella ! Buonissima la tua crostata, delicata e golosa ! Compimenti ! un salutone !

    RispondiElimina
  8. Molto buona, delicata e invitante ! Bravissima
    Mandi

    RispondiElimina