Spianatoia e 'ransagnolo' di casa mia

venerdì 18 gennaio 2013

Cenci Toscani:e' Carnevale



Cenci in Toscana,chiacchere in Campania,galani in Veneto,frappe a Roma....insomma  sono i tradizionali dolci fritti di Carnevale con le loro  mille  varianti ...nel giro di pochi chilometri  nella mia zona, la loro denominazione,a volte impropria, cambia nel raggio di pochi chilometri. Nel  mio paese,Bagnore, si chiamano "castagnole " ... a soli tre chilometri di distanza  a Santa Fiora ,sono le" frappe"..."strufoli"  e non struffoli ad Arcidosso e Castel del Piano,"cenci "in Maremma...insomma chiamiamoli come vogliamo, sono il simbolo del Carnevale in tutto il Bel Paese.Io e Gabriele ,il mio nipotino di sei anni,ci siamo messi in societa' ed abbiamo realizzato la nostra prima fotoricetta...ci siamo divertiti un mondo,mentre fuori nevicava e la casa si riempiva del profumo delle nostre "castagnole".Abbiamo lavorato insieme: io ho spianato la sfoglia e lui  scattava le foto,poi lui tagliava le losanghe di pasta ed io prendevo il suo posto con la maccchina fotografica...inutile dire che le abbiamo mangiate insieme,calde,profumate,irrorate con un miele speciale  ,homemade ,da mio figlio Alessio.Mille ricordi sono legati a questi dolci di Carnevale,prima  di Antonella bambina , poi mamma,spero di averli comunicati al mio nipotino con la speranza che i nostri laboratori in cucina,rimangano per sempre tra i suoi momenti piu' belli ,vissuti con questa nonna  foodblogger ,che vede nel  cucinare uno degli elementi fondamentali della condivisione dei sapori,dei profumi,dell'amore ,con i propri cari .Spero che vi piaccia il nostro video!!!Enjoy!!!



Ingredienti:

  • circa gr 400 di farina
  • gr.50 di zucchero
  • gr.50 di burro
  • 3 uova
  • 1 bustina di vanillina
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • scorza grattugiata di un limone
  • 1/2 bustina lievito vanigliato
  • olio di semi per friggere/strutto di maiale
  • miele
  • zucchero a velo

Esecuzione:



Versare la farina a fontana sulla spianatoia, rompere nel centro le uova, aggiungere lo zucchero, il burro fuso, il vino bianco,la scorza grattugiata del limone,la vanillina e il lievito. Lavorare fino ad ottenere un impasto a palla piuttosto sodo ma elastico quindi stenderlo con il matterello ,cercando di ottenere una sfoglia piuttosto sottile spolverizzandola ogni tanto con un poco di farina. Ritagliarla a strisce da cui ricavare delle losanghe o altre forme simpatiche.Mia nonna faceva dei nastri di sfoglia con l'aiuto della rotellina dentellata, che intrecciava per formare un nodo o meglio un  fiocco allentato. Fare scaldare bene in una padella abbondante olio o strutto di maiale, friggere poco alla volta i cenci ,scolarli  sulla carta assorbente .Irrorarli con miele liquefatto e spolverarli con lo zucchero a velo. 




 

17 commenti:

  1. troppo bellooooooooo ricetta di Antonellina.......e poi quella manina..e quel miele..che roba!!!ma se venissi dalle tue parti la realizziamo una videoricetta insieme?e con quel mattarellooooo spettacolo pure...baci Antonella e complimenti a Gabriele e a tutti voi per l'amore che mettete in tutto quello che fate..lo sai che vi considero speciali!!!baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma certo,Rossella!lo sai quanto mi farebbe piacere avervi qui,a casa mia!!!spero tanto che queso desiderio si realizzi o in Toscana o a Padula o in Sicilia...prima o poi accadra'.bacioni

      Elimina
  2. Bellissima esperienza e buonissima ghiottoneria!! :P
    Nonnaaaaaa?????????...ma benvenuta nel mondo delle nonneblogger allora...mi hai tenuto nascosto questo gioiello??? ahahah anche io con la piccola in cucina....un divertimento infinito e....farina dappertutto!!!
    baci cara e buon w.e.

    RispondiElimina
  3. Carissima Anna ,di gioielli ne ho due:Gabriele di sei anni e Sofia di un anno e mezzo.Il grande ormai e'il mio assistente in cucina,con la piccola ci stiamo organizzando... gia' adora pasticciare con l'acqua e la farina....promette bene!sono momenti unici,fonte di gioia pura...tu mi capisci.Bacioni anche a te

    RispondiElimina
  4. Sono veramente golose!!!
    Brava

    RispondiElimina
  5. Che spettacolo vederti tirare la sfoglia a matterello. E il tuo piccolo aiutante è fenomenale :) Li ho fatti lo scorso anno per la prima volta, non amo molto friggere ma per questi vale la pena fare un piccolo strappo. Ora non mi resta che fare il bis :) Un abbraccio grande, buon we

    RispondiElimina
  6. Bellissime frappe ,così si chiamano da me!!
    Bello pasticciare insieme ai piccoli, anche mio figlio si chiama Gabriele!!
    Bravissimi baci !!

    RispondiElimina
  7. Mi salvo la tua ricetta, la mia storica annotata in un quaderno, pare essersi volatilizzata insieme a quel vecchio quadernetto. Non ho mai usato il vino, mettevo dell'anice, ma per il resto mi sembra uguale. Fra un po' porteremo un po' di Carnevale in tavola anche noi.
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Ciao sono Franca: troverai una sorpresa su http://cannellaegelsomino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Adoro le chiacchiere, di solito non preparo dolci per carnevale, quest'anno mi è venuta voglia di preparare qualcosa.
    I tuoi cenci sono davvero golosi! :-)
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Dovrei trovare il coraggio e cimentarmi con questi cenci ! la mia origine toscana (sono nata a Marina di Pisa) reclama un assaggino !!!! Buona giornata e grazie della ricetta !!!

    RispondiElimina
  11. Quando li fai di nuovo chiama,che vengo a mangiarli, brava bravissima, smack
    Meri

    RispondiElimina
  12. vuoi dire che è iniziata l'ora di darsi da fare per carnevale, che brava a stendere la sfoglia

    RispondiElimina
  13. fantastici cenci, fantastiche frappe!!!! buonissimi! un bacione marina

    RispondiElimina
  14. Splendidi! gonfi, leggeri, una nuvola, sono meravigliosi! Come poteva essere altrimenti? Avevi anche tu il tuo junior chef, è un valore aggiunto. Buona domenica!

    RispondiElimina
  15. Sono perfetti: leggeri e con le bolle, una delizia :D

    RispondiElimina
  16. º° ✿彡
    Olá, amiga!
    Temos uma receita parecida com essa
    que chamamos de "mentira ou pastel de vento".
    Vi o vídeo para confirmar.
    Bom domingo! Boa semana!
    Beijinhos do Brasil
    ✿ °•.¸
    ¸.•°♡⊱彡

    RispondiElimina