Spianatoia e 'ransagnolo' di casa mia

sabato 14 agosto 2010

Acquacotta dell'Amiata



L'acquacotta  è un piatto tipico del Monte Amiata e della Maremma .Buona anche fredda era la minestra dei lavoratori da portare al campo,al bosco,in miniera.I nostri nonni partivano dalla montagna per andare a bonificare la Maremma che era una grande palude malsana.Vivevano nei capanni di zolle di terra sfamandosi con quel poco che potevano procurarsi: ingredienti,semplici ed essenziali.Uno dei piatti più usuali era  proprio l'acquacotta, sicuramente molto  meno ricca e saporita delle versioni realizzate  attualmente nelle famiglie e nei ristoranti toscani.Al mio nonno Quinto e al mio babbo Sergio,che da ragazzino  è stato in Maremma a "diciocca' " ,cioè a togliere le radici delle piante della macchia mediterranea e rendere coltivabile il terreno,dedico una canzone che sta a cuore a tutti noi toscani:Maremma amara


Ingredienti:

pane toscano raffermo
cipolle
sedano
pomodori maturi freschi o pelati
concentrato di pomodoro
olio extravergine di oliva
peperoncino & sale q.b.
formaggio grattugiato(pecorino toscano)
uova
estratto di carne se piace....
e naturalmente...acqua

Fare un soffritto con abbondante cipolla e sedano,quando si sono ben  appassiti  aggiungere i pomodori a pezzettini e far andare il tutto finchè non si sarà ben insaporito.Se il sugo  risultasse  molto chiaro aggiungere un cucchiaino di concentrato.Far bollire  ancora e allungarlo con l'acqua tenendo presente che deve risultare liquido come un brodo, dato che servirà ad inzuppare il pane.Lasciare insaporire ancora piano piano continuando la cottura. Aggiustare di sale e peperoncino in base ai propri gusti e se piace aggiungere il dado di carne.Nel frattempo affettare il pane raffermo a fettine sottili...si usa il pane toscano ma è ottimo anche quello campano o comunque un pane che si possa affettare bene e non molto saporito con farine o aromi particolari.Il nostro pane è sciocco,cioè senza sale ma i nostri condimenti tipici,ne esaltano il sapore.Prima di "minestrare"cioè versare l'acquacotta  sul pane, rompere le uova direttamente nel brodo che sta avendo l'ultimo bollore oppure romperne metà e  le rimanenti  tuffarcele intere(naturalmente sgusciate)  oppure  considerarne uno intero per ogni commensale da deporre sull'ultimo strato...questo dipende da come piace presentarla.Adagiare le fette del pane sul fondo della zuppiera,bagnare bene con  l'acquacotta, poi una bella spolverata di  formaggio e di nuovo altre fette di pane,  alternando gli ingredienti fino al loro esaurimento.Farla riposare prima di servirla ,è buonissima anche fredda  soprattutto d'estate e se  avanza...ripassata nella padella di ferro è uno schianto!!!

Vi ricordo che per Ferragosto  al mio paese, Bagnore,frazione di Santa Fiora(GR),sul Monte Amiata si svolge la famosa sagra dell' acquacotta ,dove si possono gustare anche altre specialità tipiche della montagna e della nostra regione.Se vi trovate da queste parti...vale davvero la pena di fermarsi...

Questa ricetta partecipa all'Abbecedario culinario


Organizzazione della trattoria MuVarA

24 commenti:

  1. Buon Ferragosto anche a te e tutta la tua bella comitiva...bacioni

    RispondiElimina
  2. Complimenti deve essere molto buona...D.Da provare e buon ferragosto anche a te...:smack

    RispondiElimina
  3. Tesoro, complimenti per la tua meravigliosa acquacotta! Adoro questo piatto della nostra tradizione toscana! Un abbraccio e buon ferragosto

    RispondiElimina
  4. A giorni arriva mamma con il sospirato rifornimento di pomodori costoluti. Mi sa che qualcuno bello maturo finisce in acqua...cotta ^__^! Un bacione cara e buon ferragosto (qui siamo in acqua pure noi)!

    P.S. Il bimbo con la faccia affondata nel cocomero è delizioso ^__^

    RispondiElimina
  5. Deliziosa l'acqua cotta e, hai ragione, il giorno dopo ancora meglio!
    Ciao, buon ferragosto anche a te!

    RispondiElimina
  6. Buon ferragosto e buona sagra dell'acqua cotta! Non l'ho mai mangiata ma dalla tua descrizione ne vorrei subito un piatto grazie. Un bacione

    RispondiElimina
  7. Che bella ricetta. Ne ho sempre sentito parlare ma mai provata. Sembra buonissima e voglio provarla assolutamente.
    Grazie per la ricetta.
    Buon ferragosto e a presto

    RispondiElimina
  8. Antonella che bella ricetta! Non la conoscevo ma mi sono entusiasmata!
    Ma abiti ancora a Bagnone? Io moltissimi anni fa venivo a trovare un'amica a Santa Fiora, lei passava lì la sua villeggiatura (complice la presenza di un moroso) e mi invitava a passare qualche giorno con lei....Persa l'amica per diversi motivi, ma non persi i ricordi.
    Buon ferragosto anche a te!

    RispondiElimina
  9. Buon ferragosto Antonella!!!baci Tittina

    RispondiElimina
  10. Grazie A ntonella anche a te...:D.Smack

    RispondiElimina
  11. Buon ferragosto Antonella !! la tua acquacotta è un invito gustosissimo ! un abraccio

    RispondiElimina
  12. questa acqua cotta mi stuzzica moltissimo e buon ferragosto anche a te!!baci imma

    RispondiElimina
  13. Buon Ferragosto!! La tua ricetta mi stuzzica e la voglio provare quamnto prima. Grazie per la dritta della fiera del tuo paese, peccato essere cosi' lontane, mi piacerebbe molto partecipare.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  14. Ben tornata!!!!Sentivo la tua mancanza anche se ci siamo sentite per telefono. Adoro l'acqua cotta e la faccio spesso sopratutto quando ho amici stranieri. Insieme alla panzanella è uno piatti più buoni e semplici della nostra adorata "MAREMMA". Buona giornata deny

    RispondiElimina
  15. Mi piacciono molto le zuppe e adoro la Toscana perché, tra le altre cose, è capace di offrire delle zuppe fantastiche! La mia preferita in assoluto è la ribollita (l'ho mangiata sia a Firenze sia a Barberino), ma anche la pappa col pomodoro non scherza... Questa le assomiglia molto, mi pare. La proverò senz'altro! Buona giornata :-)

    RispondiElimina
  16. spero che hai passato un buon ferragosto, questa bella zuppa che esprime il melgio della tradizione toscana l'avrei proprio mangiata bella calda visto il tempo

    RispondiElimina
  17. Mi vergogno quasi a dirti che non la conoscevo questa zuppa, ovvio che l'abbiamo sentita nominare, ma non abbiamo mai avuto modo di assaggiarla, ora che abbiamo la ricetta.....
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  18. sembra buonissima!!!! complimenti! A presto, M

    RispondiElimina
  19. Non conosco l'acqua cotta, ma mi sembra ottima e la proverò al più presto ;D. Grazie!
    Come sono state le tue vacanze? Piaciuta la Puglia? Spero tu abbia gustato tutto ciò che volevi provare ;D Baciiiii!

    RispondiElimina
  20. Ciao Antonella!!! Come vedi sono venuta anch'io a trovarti! Complimenti anche a te x il blog! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. Grazie anche per questa intramontabile ricetta del cuore, sono stata sul Monte Amiata anni fa per San Martino e ne sono rimasta incantata! Da ritornarci, prima o poi, e allora passo anche a prendermi qualche biscottino :-))

    RispondiElimina
  22. Ciao! Benvenuta nell'abbecedario!

    Ecco la E di Empoli con tutti i contributi: http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/04/e-come-empoli.html.

    Grazie per aver partecipato....e ora tutti in Umbria!!!
    Aiuolik

    RispondiElimina
  23. Buona acquacotta a TUTTI!

    RispondiElimina